“Mò Basta!” si costituisce parte civile nel processo contro il Clan Setola per l’omicidio Noviello

Caserta, 23 novembre 2012 - Comunicato stampa 
Associazioni e sindacati insieme per la legalità e lo sviluppo

“Mò Basta!” si costituisce parte civile nel processo contro il Clan Setola per l’omicidio Noviello

“Mò basta!”, il sodalizio che raggruppa associazioni, sindacati e Camera di commercio impegnato nella lotta per la legalità e lo sviluppo in provincia di Caserta, chiederà di costituirsi parte civile nel processo che si terrà al Tribunale di S. Maria CV il prossimo 27 novembre alle ore 9’30 e che vede imputati, tra gli altri, per l’omicidio di Domenico Noviello, ucciso a Castelvolturno, Giuseppe Setola, Alessandro Cirillo ed altri.

L’Associazione Mò Basta si è ormai costituita parte civile in oltre dieci processi contro i clan della Provincia di Caserta per testimoniare la vicinanza a tutte le imprese e lavoratori vittime del racket e della camorra e non poteva mancare anche in questo processo per testimoniare la vicinanza alla famiglia Noviello. L’avv. Patrizia Parisi è stata incaricata per la costituzione parte civile per conto dell’associazione.

“Per quanto l’Associazione Mò Basta si sia costituita parte civile contro Giuseppe Setola, Francesco Schiavone, Francesco Bidognetti, Michele Zagaria, il gruppo Belforte ed altri ancora – dichiara il consigliere delegato Giovanni Allucci, Amministratore Delegato di Agrorinasce -, per noi questo processo ha una valenza simbolica enorme e per questo tutti noi soci di Mò Basta saremo insieme ai familiari alla prima udienza al Tribunale di S. Maria CV. Siamo poi onoratissimi che accanto a noi sarà presente la CGIL FLAI Nazionale e l’ambasciatore sudafricano Thenjiwe E. Mtintso, mantenendo un impegno da loro assunto qualche tempo fa in occasione della commemorazione del giovane immigrato Jerry Essam Masslo”.

Al Tribunale di S. Maria CV alle 9’30 saranno, infatti, presenti, Agrorinasce rappresentata dal dott. Giovanni Allucci e da alcuni Sindaci tra cui Nicola Tamburrino, Sindaco di Villa Literno; la Camera di Commercio di Caserta; Francesco Fevola di Confindustria Caserta; la CNA di Caserta, con il segretario Francesco Geremia, che è anche Presidente dell’Associazione Mò Basta, Salvatore Ciardiello, segretario regionale della CIA di Caserta; la Confagricoltura di Caserta; Luciano Crisci della Coldiretti di Caserta; la CGIL, con la segretaria provinciale Camilla Bernabei; Carmine Crisci della CISL di Caserta; la UIL di Caserta, con il segretario dott. Antonio Farinari; la UGL, con Tarotto Ciro; l’ARCI di Caserta con il Presidente Biagio Napolano; la LEGACOOP Campania; l’ASCOM di Caserta; la CONFAPI di Caserta, la Confartigianato di Caserta, la Confesercenti di Caserta, la Confcooperative di Caserta.

Saranno, inoltre, presenti, Thenjiwe E. Mtintso, Ambasciatrice plenipotenziaria del Sud Africa, Laura Mazzesi, Segretraria dell’Ambasciatrice, Sergio Gallo della FLAI Nazionale, Giuseppe Carotenuto, Segretrario Generale FLAI Campania, Angelo Paolella Segr. Generale FLAI Caserta, Felice Gagliardi, Segretraio Organizzativo della Flai Campania e Cinzia Massa, Flai Campania.

 

 

 

Sei qui: Home Antiracket e antiusura “Mò Basta!” si costituisce parte civile nel processo contro il Clan Setola per l’omicidio Noviello